In auto

La città di Cherasco si può raggiungere :

  • dall'autostrada A6 (Torino - Savona) utilizzando l'uscita di Marene

  • dall'autostrada A21 (Torino - Piacenza) uscendo ad Asti-Est.

  • dall' autostrada Torino-Savona (A6), usciti a Marene si prosegue sul nuovo tratto autostradale Cuneo - Asti (A33), fino all'uscita dal casello di Cherasco.

  • dall' autostrada Piacenza-Torino (A21), usciti ad Asti-Est si prosegue con il nuovo tratto autostradale Asti-Alba, una volta superata Alba si seguono le indicazioni per Bra-Cherasco.
    All'altezza di S. Vittoria d'Alba si svolta a sinistra in direzione Pollenzo. Alla rotonda successiva seguendo l'indicazione per Cherasco si costeggia l'ex tenuta reale giungendo, dopo circa 2 km, ad una rotonda.
    Si svolta a sinistra e si prosegue per circa 1,5 km seguendo l'indicazione Cherasco.

l_arco_di_trionfo_a_cherasco_alla_sua_sinistra_la_chiesa_di_sant_agostino.jpg
castello Cherasco_edited.jpg

 

CHERASCO (CN)
 

Cherasco è un comune che si trova alle porte delle Langhe, tra le città di Cuneo ed Asti. La storia che ha interessato la cittadina è molto antica e risale al 1243 quando Cherasco fu fondata. La città divenne prima dominio degli Angiò e per un periodo (nel XVI secolo) fu anche formata da una comunità ebraica che ha lasciato numerose testimonianze, come sinagoghe e un cimitero. Cherasco è ricordata anche perchè fu il luogo dove è stato firmato l'Armistizio sottoscritto da Napoleone. Questo momento segna la fase storica in cui furono ridisegnati i confini europei e si pose fine alle ostilità tra la Repubblica Francese e il Regno di Sardegna.

La cittadina di Cherasco è caratterizzata dal castello eretto da Luchino Visconti e anche dagli archi, strutture poste a guardia del paese. L'arco più imponente è quello di Belvedere, costruito nel 1647 per volere di Vittorio Amedeo I di Savoia, nel periodo in cui la corte si rifugiò a Cherasco per scappare dall'epidemia di peste scoppiata nel frattempo a Torino.

Altre architettue degne di nota a Cherasco sono: l'Ospedale degli Infermi, il Palazzo Burotti di Scagnello, la Chiesa della Madonna del Popolo e il Palazzo Brizio di Veglia. Una menzione a parte merita il Palazzo Salmatoris, considerato uno degli edifici più prestigiosi di tutta la zona piemontese. Il Palazzo divenuto celebre poichè custodiva la sacra sindone all'inizio del 1700. Cherasco nel XVI secolo fu caratterizzata dalla presenza di una comunità ebraica. Testimonianza di questo periodo è la sinagoga, cuore del ghetto ebraico dell'epoca, anche se per la sua struttura passa spesso inosservata.

 

Il territorio di Cherasco è molto celebre per le fiere, le sagre ed i mercatini dedicati all'artigianato locale. Un evento che richiama tantissimi visitatori è il Mercato dell’Antiquariato e del collezionismo, che trasforma il centro della città i un enorme mercato a cielo aperto.

 

CHERASCO (CN)

Cherasco is a town located at the gates of the Langhe, between the cities of Cuneo and Asti. The history of the town is very old and dates back to 1243 when Cherasco was founded. The town first became a dominion of the Anjou and for a period (in the 16th century) it was also home to a Jewish community that has left numerous testimonies, such as synagogues and a cemetery. Cherasco is also remembered because it was the place where the Armistice was signed by Napoleon. This moment marks the historical phase in which the European borders were redrawn and the hostilities between the French Republic and the Kingdom of Sardinia were ended.

The town of Cherasco is also characterized by the castle  erected by Luchino Visconti and also by its arches, structures placed to guard the town. The most imposing arch is that of Belvedere, built in 1647 by Vittorio Amedeo I of Savoy, during the period in which the court took refuge in Cherasco to escape from the plague epidemic that had broken out in Turin.

Other noteworthy buildings in Cherasco are: the Ospedale degli Infermi, Palazzo Burotti di Scagnello, the Church of Madonna del Popolo and Palazzo Brizio di Veglia. A special mention goes to Palazzo Salmatoris, considered one of the most prestigious buildings in the whole Piedmont area. The Palace became famous because it kept the Holy Shroud at the beginning of 1700. Cherasco in the 16th century was characterized by the presence of a Jewish community. Testimony of this period is the synagogue, heart of the Jewish ghetto of that time, even though because of its structure it often goes unnoticed.

The territory of Cherasco is very famous for its fairs, festivals and markets dedicated to local handicrafts. One event that attracts many visitors is the Antiques and Collectibles Market, which transforms the center of the city into a huge open-air market.

 

Come raggiungere Cherasco

How to reach Cherasco

By Car

The town of Cherasco can be reached :

  • from the A6 freeway (Turin - Savona) using the Marene exit

  • from the A21 freeway (Turin - Piacenza) taking the Asti-Est exit.

  • from the Turin-Savona freeway (A6), take the Marene exit and continue on the new stretch of freeway Cuneo - Asti (A33), as far as the Cherasco exit.

  • from the Piacenza-Turin freeway (A21), exit at Asti-Est and continue on the new stretch of freeway Asti-Alba. Once you have passed Alba, follow the signs for Bra-Cherasco. At S. Vittoria d'Alba turn left towards Pollenzo. At the next traffic circle, following the signs for Cherasco, drive along the former royal estate and, after about 2 km, reach a traffic circle. Turn left and continue for about 1.5 km following the signs for Cherasco.